I benefici del coaching


Quali sono i benefici del coaching?


Spesso le descrizioni sono molto ampie, quasi allusive. Personalmente alcune faccio un po' fatica a comprenderle e penso ne faccia ancor di più chi non ha alcuna esperienza di coaching.


Ad esempio: "espandere il potenziale", "capire/realizzare veramente chi sei", "uscire dalla zona di comfort e realizzare la tua vita", "realizzare i propri sogni", ecc.


"Spesso, quando si parla dei benefici del coaching, le descrizioni sono molto ampie, quasi allusive."

Vorrei evitare di mettere in dubbio queste definizioni solo perché non appartengono alla mia esperienza e cercare di descrivere quello che riesco a vedere direttamente, con un linguaggio che spero sia il più chiaro, concreto e semplice possibile.


Anzitutto, nel coaching è utile distinguere tra risultati e benefici. Si, perché non è corretto dire che il coachee (il cliente del coaching) porta a casa solo benefici. In realtà nel coaching sono molto importanti i risultati e la misurazione dei risultati che il cliente si propone di ottenere.


"Nel coaching sono importanti sia i benefici che i risultati misurabili."

Per spiegare cosa intendo per benefici e risultati uso la metafora dello sport.


Anche nello sport ci sono risultati e i benefici.


Prendiamo un velocista. I risultati sono le cose tangibili, concrete e quantificabili precisamente: il tempo di allenamento, le calorie bruciate, il peso corporeo, il numero di gare cui partecipa, il numero di gare vinte, i tempi fatti registrare, gli eventuali premi in denaro, sponsorizzazioni, eccetera. Ognuno di questi può diventare (lavorato opportunamente) un obiettivo.


Allo stesso tempo, nel cercare di raggiungere questi obiettivi l’atleta conquista una serie di benefici, che sono percepiti internamente e colti esternamente, ma non sono quantificabili precisamente: un generale benessere personale, maggiore fiducia in sé, incremento della salute, maggiore capacità di resilienza, maggiore forza fisica, maggiore capacità di concentrazione, di gestire lo stress, ecc.


"Risultati: cose tangibili, concrete, quantificabili. Benefici: cose percepite, visibili anche dagli altri sotto forma di cambiamenti, ma non quantificabili."

Nel coaching è esattamente lo stesso: una persona nel cercare di raggiungere i risultati desiderati conquista tutta una serie di risultati e di benefici.


Nel coaching è estremamente importante la definizione e la misurazione dei risultati desiderati. Allo stesso tempo si può dire che i risultati sono un pretesto che porta la persona a sperimentare, incrementare e consolidare tutta una serie di benefici.


I benefici


L’elenco che segue (inevitabilmente parziale) è la sintesi sia della mia esperienza come fruitore del coaching, sia di quanto mi dicono i clienti in risposta alla domanda “cosa ti porti a casa oggi?”.


Nella mia esperienza, coaching significa usare e allenare la propria creatività per:


  • affrontare una situazione che ci sta a cuore

  • chiarirsi le idee

  • prendere una decisione importante

  • riprendere attivamente il controllo della situazione

  • identificare un risultato desiderato e realistico (e realistico spessa significa superiore alle proprie aspettative)

  • iniziare concretamente a lavorarci

  • costruirsi una soluzione unica e ritagliata su di sé, a misura della propria unicità

  • fare piccoli ma concreti passi in avanti

  • cambiare prospettiva

  • sperimentarsi

  • realizzare un risultato desiderato (che sottintende il raggiungere un livello di performance desiderato)

  • riconoscere risorse interiori, punti di forza

  • scoprire nuove risorse interiori

  • sentirsi efficace

  • sentirsi padroni di sé e della situazione

  • sentirsi pienamente autonomi

  • consolidare un atteggiamento costruttivo

  • consolidare un atteggiamento positivo

  • sentirsi in pace con sé stessi e con gli altri

  • usare e allenare la propria creatività per superare gli ostacoli

  • ... (e tante altre risposte frutto dell'unicità di ognuno di noi).


Benefici: il linguaggio ufficiale


E adesso il linguaggio ufficiale, ossia la norma UNI 11601 (qualità dei servizi di coaching), che al paragrafo 4.3 recita:


"[...]

- maggiore consapevolezza dei propri comportamenti personali e relazionali

- comprensione dell'impatto del proprio comportamento nelle relazioni professionali e personali

- ampliamento della gamma di comportamenti, abilità e competenze;

- ampliamento della consapevolezza gestione di sé e delle relazioni

- potenziamento delle capacità personali richiesti dalle competenze di ruolo

- maggiore comprensione e fiducia in sé come persona e nel lavoro

- migliore regolazione delle proprie emozioni e stati d'animo

- capacità di alimentare un processo di miglioramento di apprendimento continui

- sviluppo di abilità, competenze, risorse e potenzialità professionali e personali

- potenziamento della leadership

- crescente consapevolezza dell'importanza di dare e ricevere feedback regolari

- facilitazione e sviluppo nello scambio interculturale

- capacità di promuovere il cambiamento nel proprio sistema/contesto di riferimento

- allineamento tra valori, decisioni e comportamenti."


76 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti